Sei un credente?

Questi sono dati sensibili, lo so. Ma cosa c’entra con la sicurezza sul lavoro?

Chi sfrutta i lavoratori fa peccato mortale anche se va a messa tutte le domeniche

Questa l’omelia di Papa Francesco di alcuni mesi fa.

Quindi, oltre ad avere problemi con la giustizia umana, chi – tra le altre cose – non lavora in sicurezza sembrerebbe avere problemi…con la giustizia divina.

È un argomento che suona un po’ strano, ma la domanda è: nella Bibbia si parla di sicurezza sul lavoro?

La risposta è sorprendentemente SÌ!

Ecco a voi una carrellata di riferimenti Biblici a norme di sicurezza, con relative sanzioni.

Una sorta di testo unico ante litteram.

 

Riferimento numero 1.

Deuteronomio 22:8

Quando costruisci una casa, devi fare anche un parapetto intorno al tetto, così che, se qualcuno cadesse di sotto, tu non faccia ricadere sulla tua casa la colpa del sangue versato”.

 

Già nella legge mosaica si prescrivevano parapetti.

L’equivalente dell’odierno art. 126 D.Lgs 81/08 che si intitola guarda caso “Parapetti”.

Con due piccole differenze:

  • Deuteronomio è stato scritto oltre 3400 anni fa
  • E per l’inosservanza, in caso di infortunio c’era la pena di morte per direttissima…

 

Riferimento numero 2.

Esodo 21:33,34

Se un uomo scoperchia una fossa o la scava lui stesso e non la copre, e un toro o un asino ci cade dentro, il proprietario della fossa deve pagare un risarcimento: deve rimborsare il valore dell’animale al suo padrone, e l’animale morto diventerà suo.

 

Una sorta di odierno articolo 146: “difesa delle aperture”, con annessa responsabilità civile già definita a monte anche in caso di danni ad animali. Ferma restando la pena “occhio per occhio, dente per dente” se a morire era un uomo.

 

Riferimento numero 3.

Esodo 21:29

Nel caso di un toro che ha l’abitudine di cozzare e il cui proprietario, pur essendo stato avvisato, non lo tiene sotto custodia, se quel toro uccide un uomo o una donna dev’essere lapidato, e anche il proprietario dev’essere messo a morte”.

 

Altro che sospensione dell’attività imprenditoriale. Altro che responsabilità amministrativa delle persone giuridiche.

Hai un toro? Ha già manifestato la sua pericolosità? Organizzati, perché se fa male a qualcuno…

 

Riferimento numero 4

Nella Bibbia, sembra che la responsabilità sia di tutti. Non solo dei datori di lavoro. Ma anche dei lavoratori.

Ecclesiaste 10:9.

Chi estrae pietre può farsi male, e chi spacca legna deve starci attento”.

 

Evidentemente, non si tratta di condotta abnorme.

Chiunque lavora deve avere cura di se stesso.

 

Lungi dal fare una lezione di teologia

Il principio

Per cui, evidentemente, né la 626 né il Testo Unico sono una grande novità.

E stai attento!

Se non rispetti la legge sulla sicurezza, potresti dovertela vedere anche…con il piano di sopra.

Commenti